Labioplastica e chirurgia estetica intima

Trattamenti

La chirurgia estetica è sempre molto ricercata dalle donne che desiderano migliorare alcune parti del proprio corpo che non accettano o che accettano solo parzialmente; quando parliamo di labioplastica ci stiamo riferendo a un intervento di chirurgia estetica intima ben preciso, ovvero, quello della riduzione delle piccole labbra vaginali nel caso si presentino rilasci, dimensioni aumentate o asimmetriche.

In cosa consiste un intervento di labioplastica?

Un intervento di labioplastica consiste nella rimozione dell’eccesso di pelle che si presenta nella zona genitale e che può provocare problemi fisici o psicologici.

Questa condizione può essere congenita o peggiorare con l’invecchiamento, inoltre, l’ipertrofia delle piccole labbra può causa disagio fisico mentre si svolgono le normali attività quotidiane, a causa dello sfregamento.

Con l’intervento non solo è possibile eliminare il problema, ma anche risolvere tutti quei sintomi fastidiosi con i quali si è dovuto convivere per molto tempo.

L’intervento avviene tramite tecnica chirurgica laser e può essere eseguito anche con altri interventi per il ringiovanimento dei genitali femminili, quali ricostruzione dell’imene, restringimento della vagina e liposuzione del pube.

La labioplastica è un intervento semplice, per questo motivo viene praticato nella maggior parte dei casi, a livello ambulatoriale con anestesia locale, la sua durata totale è di circa un’ora.

Per un paio di giorni successivi all’intervento possono comparire gonfiori ed ecchimosi, la guarigione totale avviene in poco tempo; essendo un intervento di chirurgia estetica intima non invasiva, si riscontra una sola sottilissima cicatrice nella piega delle piccole labbra.

Chi può e dovrebbe fare l’intervento di labioplastica?

La labioplastica è un intervento così semplice che qualunque donna può sottoporsi all’operazione, ovviamente, nel caso si presenti un eccesso di cute che non consente la giusta chiusura delle piccole o grandi labbra.

Molte donne con piccole e grandi labbra molto sviluppate si sentono a disagio e vivono questa condizione come un difetto, non solo funzionale, ma anche e soprattutto estetico, con ripercussioni negative sulla propria sessualità.

Avere delle piccole labbra troppo sviluppate richiede una maggiore igiene intima e spesso, provoca irritazioni locali, soprattutto per chi pratica sport o sta molto in movimento.

Questo non vuol dire che chiunque dovrebbe sottoporsi alla chirurgia estetica intima, è sempre bene valutare attentamente i vari casi prima di decidere, l’operazione di labioplastica non va affrontata con superficialità ma deve essere una scelta chiara e consapevole.

Sono da valutare gli effetti psicologici e fisici che questa condizione ha sulla donna, molte evitano di indossare pantaloncini attillati o di mettere il costume per il timore che si possa scorgere il difetto, mentre altre hanno a che fare con veri e propri problemi reali, che portano a delle conseguenze fastidiose sul proprio corpo.

Un esempio, sono quelle donne con il prolasso della zona vaginale e che soffrono di ipertrofia delle grandi labbra, ovvero, un rigonfiamento eccessivo della zona, in questo caso i disagi sono soprattutto fisici e possono creare non pochi problemi duranti i rapporti sessuali con il partner.

Controindicazioni e convalescenza

La labioplastica non ha controindicazioni, la paziente può già camminare e sedersi a fine intervento; la zona può presentarsi un po’ gonfia e con qualche grume di sangue vicino ai punti di sutura, il tutto sparirà nel giro di quindici giorni, quando i punti di sutura si saranno riassorbiti.

Se si hanno problemi di cicatrizzazione, è possibile che la guarigione sia un po’ più lenta. Solitamente, non si avrà nessun tipo di fastidio dopo venti giorni dall’operazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *