Come farsi crescere la barba, tecniche per un viso perfetto

La pelle

Come farsi crescere la barba, tecniche e consigli per un perfetto viso da gentleman. Intanto, una domanda: perché farsi crescere la barba? Una mezza risposta può essere data subito, e cioè che è una moda. La barba è tornata di moda, specialmente nei giovani, negli ultimi anni. L’altra mezza risposta non sapremmo darla. Un fatto estetico? Un vezzo?

Chi lo sa, forse è semplicemente il desiderio, la voglia di impersonalità, di annegare nel nulla il nostro viso, il nostro tratto più evidente, la nostra immagine. Senza il volto ben visibile, o buona parte di esso, forse vogliamo essere meno riconoscibili nel nostro modo di essere e di fare, nel mostrare la nostra personalità.

La barba tende non a marcare, ma ad annullare, a cancellare un pezzo di visibilità e di identità. Nulla a che fare con la saggezza, come si diceva nei tempi antichi. Allora la barba era semplicemente simbolo di vecchiaia, e quindi, automaticamente o quasi, di saggezza. Adesso, poi, la barba fa il paio anche con la testa pelata. Qualche donna aborrisce questa discutibile immagine mascolina, e francamente non sapremmo darle torto.

Poi c’è un altro fatto: i capelli probabilmente, anche da un punto di vista igienico, sono più governabili; la barba un po’ Meno, non fosse altro perché sta sotto la bocca e con la bocca ci mangiamo. Anche il naso, in verità, è molto vicino, con tutto quello che ne consegue. Insomma, una faccia pulita da barba e baffi, dà sicuramente meno problemi di igiene che un volto con barba e baffi.

Ergo, se vogliamo farci crescere la barba, dobbiamo farlo con somma cura e attenzione, sia da un punto di vista meramente stilistico, sia da un punto di vista dell’igiene personale, cosa sempre molto preziosa. Per cui la barba va bene, ma a patto che sia costantemente curata: una barba incolta e mal curata è la cosa più brutta che ci sia. Sempre che, ovviamente, per fattori genetici o naturali, la nostra barba decida di non crescere, perché le nostre guance hanno deciso che lì sopra non ci deve stare nulla.

Come farsi crescere la barba, tecniche per un viso perfetto

Come farsi crescere la barba tecniche per un viso perfetto

Ora, la barba aveva nelle popolazioni antiche una chiara funzione di protezione del viso; adesso non c’è più bisogno di tutta questa protezione. E’ solamente un fatto estetico. Spesso serve più di un mese per far crescere la barba, e a volte serve molto di più. Ognuno di noi reagisce in maniera diversa. C’è chi la barba ce l’ha più folta, chi di un colore rossiccio, che ce l’ha più ispida, e così via. L’importante è non scoraggiarsi subito, ai primi tentativi.

Intanto se sentiamo prurito, non dobbiamo raderci subito, dobbiamo insistere. Abbiamo voluto la bicicletta? Adesso pedaliamo. Pian piano i peli diventeranno più morbidi e la sensazione di prurito nella maggior parte dei casi tende a scomparire. Semmai possiamo applicare un velo di crema da banco steroidea, per alleviare il fastidio.

All’inizio è probabile anche che alcune zone siano a maggior crescita, altre meno; in buona sostanza una barba a chiazze. Ma la tendenza è quella alla omogeneizzazione. Non interveniamo a tagliare i peli troppo presto; cerchiamo di lasciarli crescere spontaneamente. Il problema del cambio dello stile della barba ce lo porremo in un secondo momento.

Cerchiamo bensì di pettinare spesso i peli nella direzione voluta: poche forbici e molto pettine. Dopo poco più di un mese andiamo dal nostro barbiere di fiducia e cerchiamo di dare alla nostra barba un senso. Per aiutare la corretta crescita, possiamo utilizzare un apposito olio da barba; in giro ce ne sono moltissimi. Applichiamolo dopo la doccia del mattino, se possibile.

Alcuni integratori, poi, possono far crescere la barba più velocemente e favoriscono l’ispessimento dei peli. Ma soprattutto mantieni un’igiene perfetta per la barba. Non c’è nulla di peggio di una barba sporca e unta, specialmente dopo mangiato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *